Pane Del Vescovo

Il Pan Del Vescovo è un dolce di origine laziale, di origini molto antiche che si usava portar in dono al vescovo in occasioni di festività. Molto ricco e goloso, è perfetto per la colazione e la merenda accompagnato da una tazza di caffè, tè o latte.Ve lo consiglio perchè è veramente buono! 😉

 

Difficoltà: molto bassa

Tempi di preparazione: 15 min

Tempi di cottura: 35 min

Costo: medio-basso

Ingredienti per uno stampo da 26 cm
  • 4 uova medie
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 200 gr di nocciole
  • 250 di farina 00
  • 200 gr di mandorle
  • 150 gr di gherigli di noci
  • 1 tazzina da caffè di latte (se preferite un composto più morbido)
  • 1 pizzico di sale
  • 1,5 cucchiaini di lievito per dolci
  • 150 gr di uva sultanina (facoltativo)
  • 200 gr di cioccolato fondente
Procedimento

Come prima cosa, tostate le nocciole, le mandorle e le noci, e mettete in ammollo l’uva sultanina nel vino, o marsala per 10 minuti.

Dopo di che, togliere le eventuali pellicine dalle nocciole, e tritatele grossolanamente insieme e nici e mandorle. Strizzate con le mani l’uva sultanina e mettetela da parte (io personalmente non l’ho usata, ma la ricetta originale la prevede)

In una ciotola, montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso ed omogeneo.

Aggiungete il latte, il pizzico di sale, la farina setacciata, e il lievito, e continuate a montare.

Infine incorporate con un cucchiaio di legno anche le nocciole, le noci, le mandorle e il cioccolato tritato grossolanamente.

Versate il composto in una tortiera imburrata e infarinata.

Cuocete a forno preriscaldato statico a 180 gradi, per 35 minuti. Fate la prova stecchino, e se uscirà asciutto, il vostro Pan del Vescovo sarà cotto.

Sfornate, lasciate raffreddare, trasferitelo su un piatto da portata, e cospargetelo di zucchero a velo prima di servirlo.

Suggerimenti

Potete evitare di aggiungere il latte se volete una torta più asciutta e compatta, che assomigli di più a un pane.

Consigli

Il Pane del Vescovo si conserva anche tre giorni ben chiuso sotto una campana di vetro in luogo fresco ed asciutto.

 

 

Rispondi